Blog

Coronavirus, gli studi professionali possono restare operativi

23/03/2020 – Ingegneria civile, impiantistica, studi di architettura e d’ingegneria, attività professionali, scientifiche e tecniche. Sono alcune delle attività che possono proseguire, secondo il DPCM 22 marzo 2020 pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale. 

Il DPCM dispone che, per contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, da oggi e fino al 3 aprile 2020, sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell’allegato 1 al DPCM 22 marzo 2020 stesso.

Tra le eccezioni che, quindi, possono restare operative, qui di seguito elenchiamo quelle relative ai settori di nostro interesse: 

42 Ingegneria civile
43.2 Installazione di impianti elettrici, idraulici e altri lavori di costruzioni e installazioni 
71 Attività degli studi di architettura e d’ingegneria; collaudi ed analisi tecniche
74 Attività professionali, scientifiche e tecniche
94 Attività di organizzazioni economiche, di datori di lavoro e professionali

Le attività professionali – prosegue il DPCM – non sono sospese e restano ferme le previsioni di cui all’articolo 1, punto 7, del DPCM  11 marzo 2020, cioè la raccomandazione di utilizzare la modalità di lavoro agile e a distanza, incentivare ferie e congedi retribuiti, sospendere le attività non indispensabili, rispettare la distanza interpersonale e dotarsi di DPI, sanificare i luoghi di lavoro. 
 

Il Coronavirus cambia le nostre abitudini e ridefinisce tempi e strumenti del nostro lavoro. Come si stanno modificando le attività dei progettisti? Cosa non riusciamo a fare e cosa, invece, facciamo meglio? PARTECIPA AL SONDAGGIO

 Fonte: https://www.edilportale.com/news/2020/03/professione/coronavirus-gli-studi-professionali-possono-restare-operativi_75544_33.html

Assistenza Online